W la panza...nella!


Grazie Paolo (Petroni). 
Ogni volta che sfoglio le pagine di questo libro, mi sembra di essere rapita da tutti i colori, sapori e aromi che sprigionano tutte queste ricette toscane... ed oggi vi offro la "Panza"!  La mia "Panza!" Contenti?

Noi lo siamo stati ieri sera a cena. Ovvio che ho apportato piccole modifiche che hanno lasciato alle spalle cipolle rosse (troppo indigeste per i miei piccoli) e il cetriolo che par "che non sà di niente niente..." (vangelo secondo Matteo e Davide... si ancora secondo i miei pargoli). Ma stanno sempre in mezzo 'sti quà?....

Perciò questa è stata la nostra versione della famosa PANZANELLA!
Spero che il signor Petroni non ce ne voglia.....


Ottima per reciclare il pan secco che staziona nella credenza e non si può certo buttar via e nemmeno sbriciolare per ospitare piccioni panciuti e "cittadini" sulla terrazza, che in cambio ci regalano tante deliziose c_ _ _ _ e. 
Vero bimbi ?

Auguro a chiunque passi di quà un buon week end ;-)

Mannaggia come sono rinco!
Grazie a Tamara che mi ricorda che mi sono DIMENTICATA di lasciare la ricetta... ma si può essere più fuori di così, in fondo non è questo un blog di cucina? A me sembrava di sì, perciò anche se in ritardo ecco come si fà.

O almeno come l'ho fatta io:

250 gr di pane secco
4 pomodori maturi
2 cipolle rosse (omesse per i piccoli e sostituite con cipolotti)
2 cetrioli ( omessi e sostiuiti con cubetti di pancetta dolce)
basilico ( non l'avevo)
olio extra vergine d'oliva
sale e abbondante pepe (tolto il pepe sempre per i piccoli)

Tagliare il pane a fette spesse e metterlo a bagno in acqua fredda per almeno quindici minuti. Poi prenderlo tra le mani e strizzarlo ben forte e successivamente fare un movimento come "sfregarsi" le mani riducendolo in briciole che farete cadere in una capiente ciotola. Le briciole di pane devono risultare asciutte.


Nel frattempo in un tegamino antiaderente far sfrigolare un goccio d'olio e fare appassire i pomodori tagliati a pezzi medi, con la pancetta e i cipollotti.
Cuocere a fuoco medio per una decina di minuti. Salare e pepare leggermente. Una volta intiepidito unitelo nella ciotola delle briciole di pane e girate con cura per amalgamare bene il tutto. Lasciate riposare qualche minuto e riporre la ciotola in luogo fresco o in frigo fino al momento di servirla.
Prima di impiattare condirla con un ulteriore filo d'olio e qualche fogliolina di lattughino fresco.

Commenti

  1. Un must della stagione! Che buona!

    RispondiElimina
  2. Quanto è buona!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  3. W la panza...nella nella...panza :D! Quanto mi piaceeeeeeeee! Per me con tanta cipolla, che tanto incontri galanti in vista...neanche l'ombra :)) Bacioni bella, buon fine settimana

    RispondiElimina
  4. la tua ricetta non si vede da nessuna parte, non la trovo io forse, però il pane per la panzanella deve essere toscano, cotto a legna, altrimenti viene fuori un pappone e non deve essere salato. Nella vera panzanella di una volta, si metteva solo la cipolla bianca, rosse non c'erano, adesso si mette la tropea, basilico e pomodoro, che è arrivato per ultimo, e il pane deve essere messo a bagno, strizzato e sbriciolato. Questa è la ricetta, poi, giustamente ognuno la fa come meglio crede, l'aggiusta secondo i propri gusti, se ci sono i bambini non si mette la cipolla, e neppure il pepe, che invece deve essere abbondante...comunque la si faccia è sempre un piatto stupendo...buon fine settimana anche a te....

    RispondiElimina
  5. un classico della tradizione toscana...e come dice Jeggi...un must per questa stagione!!! gnam gnam

    RispondiElimina
  6. Tesoro ma questa è perfetta per il mio contest nn trovi??la panzanella è un classico che tu hai tar l'altro rivisitato quindi piu che perftta e anche gustosisssima!!!bacioni imma

    RispondiElimina
  7. Ciao cara Letizia, hai ragione la panzanella è un piatto da dieci. Io non riesco ad immaginare l'estate senza.
    Buon fine settimana a te,

    wenny

    RispondiElimina
  8. Leti... bravissima!
    buon w-e

    RispondiElimina
  9. Mio fratello che ha vissuto tanti anni a Lucca, ogni tanto mi ricicla un po' di pane (anche se difficilmente faccio in modo che avanzi) facendo la panzanella...ovviamente si lamenta sempre del fatto che "certo non è il pane Toscano", come dice Tamara :-)
    Bacioni e buon fine settimana a te e tutta la famiglia

    RispondiElimina
  10. Miiiiii evviva la bella stagione che ci permette di preparare tale bontà ^_^

    RispondiElimina
  11. @ tamtam - Grazie tante Tamara di avermi ricordato di mettere la ricetta. Le tue precisazioni sono assai importanti e dimostrano una certa familiarità con questo piatto ;-)
    @ Imma - tu dici cara? Per la verità io avevo pensato alla ricetta successiva, una sorta di frittata di asparagi un pò rivisitata con riso (venere) e speck.... fammi sapere quale secondo te sarebbe più adatta :)
    @ jeggy, simo, federica, nicoletta, wenny, Fra, Rosalba, Sonia - un abbraccio forte forte ragazze, mi date ogni volta una carica ;-)

    RispondiElimina
  12. Molto buona, ricetta ideale per recuperare il pane raffermo... anche se non è toscano!
    Grazie per l'idea e auguro anche a te un buon fine settimana : )

    RispondiElimina
  13. le ricette di una volta, non so perchè, ma sono sempre speciali.
    Sapevano riciclare....si usava quello che c'era in casa....non erano artefatte....ma erano (e SONO) buonissime.

    Ciao
    buon w.e.
    :-)

    RispondiElimina
  14. Stupenda! in estate mi faccio certe scorpacciate di panzanella....questa tua versione è davvero tutta da provare!!! brava Leti!!!! :)

    RispondiElimina
  15. W la panza... NELLA intesa dentro i pantaloni e coperta da strati e strati di maglioni, cappotti in modo da poter dire non sono grassa, solo ben imbottita perché fa freddo :-)) Ma ora che siamo in estate come si fa? Buon w.e. e W la panzanella.. la tua però, è più godereccia. Byee byeee

    RispondiElimina
  16. Adoro la panzanella!!! Complimenti per la tua ottima versione!!! Un abbraccio e buon we

    RispondiElimina
  17. anche se questo piatto è famosissimo sai che non l'ho mai mangiato?, penso che rimedierò al più presto, bravissima.

    RispondiElimina
  18. buona buonissima e in effetti è un ottimo modo per riciclare il pane!

    RispondiElimina
  19. è goloso e fa astate.. cosa chiedere di più a dei pomodori???assolutamente nulla... hai sempre delle idee fantastiche.. un bacio

    RispondiElimina
  20. buonissimaaaaaaaa!già la immagino per le serate calde dell'estate! mi piacciono anche le variazioni suggerite dagli aiuto chef;) buon we.

    RispondiElimina
  21. Sai che non l'ho mai fatta? Eppure ne sento parlare spesso! Rimedierò presto perché il pane raffermo a casa mia non manca proprio! Baci e buon fine settimana

    RispondiElimina
  22. la panzanella! che buona! ^_^ la devo proprio fare un giorno!

    RispondiElimina
  23. Il Vangelo dei bimbi va comunque ascoltato...

    belle le panzanelle che hai preparato, in maniera davvero originale.

    Buon fine settimana anche da parte mia

    RispondiElimina
  24. D'accordissimo con Matteo e Davide: non sanno di niente i cetrioli e quel poco sapore che hanno a me e Maurizio non piace proprio...blaaaa!
    La panzanella la conoscevo solo di nome ora che l'ho vista immagino già che in quelle giornate di caldo, dove mi rifiuto di accendere il fuoco per più di 15 minuti, sarà la mia salvezza e mi divertirò anche ad aggiungere ingredienti (olive, capperi, mozzarella...) a quelli di base. Certo non sarà sempre la panzanella tradizionale, ma sarà la mia fortuna!
    Graaaazie Letizia per questa fresca e sfiziosa ricetta! Sono troppo contenta :D

    RispondiElimina
  25. scusami tesoro, ma adesso mi piace di più...sono una rompi, vero? però è più completa...baci

    RispondiElimina
  26. buona, estiva, saporita.. e belle foto! bravissima!

    RispondiElimina
  27. Buonissima ricetta, splendida presentazione,complimenti, mi piace molto, brava!!

    RispondiElimina
  28. Che buona la panzanella! Potevo non adorarla da toscana doc?! Eccerto che no! E anche a tua versione è uno spettacolo! Dev'essere squisita!

    RispondiElimina
  29. da quando ho "scoperto" la panzanella, non posso stare senza!!! buuuoonissima :)

    RispondiElimina
  30. non lo conoscevo questo piatto ma mi è venuta la voglia di assaggiarlo!! ma quanto è grande la cucina tradizionale a fare grandi cose con ingredienti piccoli!!

    RispondiElimina
  31. un vero piattoforte del riciclo, io ci farei un altro post inneggiando alla bontà di una panzanella come questa!
    buon WE e un bacione ;))

    RispondiElimina
  32. buona anche la panzanella veloce fatta con quello che si ha in casa! :D
    annoto il libro, grazie!
    buon we!

    RispondiElimina
  33. Cosa mi sono persa, mai assaggiata, ottima occasione per farlo perchè ho del buon pane avanzato. Grazie Leti,un bacione, Alex

    RispondiElimina
  34. Ricetta semplice e golosa...l'adoro.
    Un bacione
    Lu

    RispondiElimina
  35. @ tamara- altro che rompi sei stata preziosissima cara. Ti mando un abbraccio doppio, anzi triplo :)

    Un bacio a tutte voi care amiche di "mestolo" con con i vostri graditissimi commenti mi riempite sempre di gioia :)

    RispondiElimina
  36. che bontà molto invitante ,ciao

    RispondiElimina
  37. che spettacolo è uno dei miei piatti preferiti e noi ci mettiamo tutto, i mostri qui digeriscono che è un piacere!!! un bacione

    RispondiElimina
  38. le ricette locali sono espressione del gusto

    RispondiElimina
  39. Bona la panza!!!!!!!! Sempre invitante e ottima in questa stagione!!! Un bacione e buona settimana!!

    RispondiElimina
  40. W la panza sempre! Per questo periodo è l'ideale....mi hai dato un idea...nn essendo Toscana non la faccio rarissimamente...SBAGLIANDO :)

    RispondiElimina

Posta un commento