Scamerita di maiale al pane aromatico

scamerita al forno con pancerrè, mandorle, origano e pomodorini secchi sott'olio

Le linguette e annotazioni dimostrano che su quella ricetta ci avevo messo gli occhi sopra dal un bel po'. In mezzo alle altre nel mio quadernone,  ogni volta che andavo ad aprirlo mi scivolava sempre tra le mani, perché il pezzo di carta era più minuto di tutti... un ritaglio sbocconcellato piccino picciò, quindi stavolta mi è davvero difficile risalire alla fonte.
Credo si trattasse del giornale Cucina no problem, ma non ci metterei la mano sul fuoco. Perciò chiunque l'abbia "incrociata" da qualche parte si faccia pure avanti che sarò ben lieta di restituirgli la paternità. 

Ricetta piacevolissima anche per chi solitamente la carne la snobba. La crosta saporita avvolge la scamerita siggillandone al suo interno i preziosi liquidi e squisiti sapori. Provatela e poi... ne riparliamo ;-)

800 gr di scamerita di maiale  - 6 fette di pancarrè integrale - 60 gr di pinoli o mandorle - 10 falde di pomodori secchi sott'olio - 1 cucchiaio di origano secco - 4 cucchiai di olio extra vergine d'oliva - sale e pepe bianco
Passare rapidamente le fette di pancarre al mixer, sbriciolandole senza però polverizzarle. Scaldare l'olio in una padella antiaderente, versare il trito di pane e rosolarlo per qualche minuto, mescolandolo spesso, finché risulterà dorato e croccante. Trasferire il pane in un ampia ciotola.

Preparare gli altri ingredienti. Mescolare l'origano al pane nella ciotola. Tostare i  pinoli o le mandorle nella padella per 2-3 minuti, senza alcun condimento e a fuoco dolce, finché saranno leggermente dorati. Sminuzzarli grossolanamente e mescolarli al pane. Sgocciolare i pomodori dall'olio di conservazione, tritarli grossolanamente, unirli anch'essi al composto di pane e regolare di sale e pepe. Mescolare  delicatamente per amalgamare il composto.

Scaldare il forno a 200°C. Disporre il filetto intero nella pirofila senza condimento, ricoprilo con il composto di pane e pinoli e cuocerlo nel forno caldo per circa 15 minuti*. Coprire con un foglio di alluminio e cuocere per altri 5 minuti.

[Doveroso un piccolo ed essenziale inciso per la riuscita della suddetta ricetta!

* Il tempo di 20 minuti complessivi è TOTALMENTE insufficente. Quando ho tolto la carne era ancora cruda, perciò l'ho ributtata in forno per la bellezza di altri 50 minuti (ma anche qualcosina in più non gli avrebbe dato fastidio, purchè la teniate coperta), abbassando però leggermente il forno, intorno ai 180/170° perchè il mio abbrustolisce parecchio.

Un appello perciò a chi scrive le ricette sulle riviste/libri: cortesemente TESTATE le ricette PRIMA della pubblicazzione perchè i tempi non tornano MAI! Grazie infinite!!!!!]

Togliere dal forno e far riposare la  carne  per qualche minuto. Tagliarla a fette dello spessore di circa 2-3 cm e disporla nei piatti individuali.

Polemiche a parte... alla fine la carne è venuta un bijoux :)

Commenti

  1. ricetta davvero particolare, sopratutto la consistenza della carne che sembra davvero succosa, cosa non semplice.
    Molto brava.

    RispondiElimina
  2. mi trovi ignorantissima sul taglio del maiale che non ho mai sentito, ma quella crosta è molto molto invitante, un modo diverso per cucinare l'arrosto :-) baci

    RispondiElimina
  3. Ha un aspetto delizioso.
    Ma scusa la domanda da capra... quale parte è la scamerita?

    RispondiElimina
  4. Come Ely il taglio con questo nome non lo conosco...però MI PIACEEEEEEEEEEEEEEEEEEE, baci, Flavia

    RispondiElimina
  5. dev'essere buonissimo! bella idea!

    RispondiElimina
  6. Io sono tra quelle che in genere spesso snobba la carne ma quella panatura croccantina e profumata...beh...mi sta inducendo in tentazione! Mi sento quasi “preparata” che conosco la scamerita :) Merito della residenza toscana?!?!?! Un bacione

    RispondiElimina
  7. Non cucino spesso la carne di maiale perchè ho sempre il timore che rimanga "stopposa". Però il tuo piatto sembra proprio succulento.interessante!! :)))

    RispondiElimina
  8. Grazie per i vostri gentili commenti :)

    Qualche info sul taglio di carne: "la scamerita (detta anche capocollo o coppa), senza osso è la parte alta della schiena del maiale, che si colloca in prossimità della testa; da questa parte del maiale, che si caratterizza per la morbidezza e per l'equilibrio tra parte magra e parte grassa, si ottiene il salume che, a seconda delle zone, assume il nome di Capocollo o Coppa. La Scamerita è ottima in arrosti, per spiedini misti, o sulla brace."

    [Testo ripreso dal forum panperfocaccia]

    RispondiElimina
  9. La carne sembra aver conservato proprio tutti i suoi succhini =)

    RispondiElimina
  10. Ma la scamerita è come la lonza?L'idea è davvero ottima e molto elegante..brava!!!

    RispondiElimina
  11. Non conosco la scamerita di maiale, ma dagli ingredienti e da questa tua foto..penso che di questo piatto farei il bis e anche il tris tranquillamente! ^_^
    Brava, un bacio!

    RispondiElimina
  12. Ottimo questo secondo con questa croccante e saporita crosticina! E mi unisco al tuo sentito appello e aggiungo che a volte oltre i tempi nemmeno le dosi a volte tornano :(((...Un bacione

    RispondiElimina
  13. Quella crosta li tesoro è spettacolare e questo pezzo di carne non lo conoscevo ma segno tutto e vado in cerca domani dal mio macellaio e le faccio promesso!!bacioni,Imma

    RispondiElimina
  14. Gran bella preparazione! Io, come ormai si è capito, non sono bravissima con la carne e sono avidissima di consigli e idee. Mi salvo la ricetta e la provo, quando mai anche con quella impanatura riesco a far seccare la carne?
    Grazie!
    A presto, ti abbraccio!

    RispondiElimina
  15. Cara Letizia, 10 e lode! Sia per la ricetta che per le dettagliate informazioni sul pezzo di carne sia per la simpatica puntualizzazione sulla cottura. Non solo a chi ha scritto la ricetta, ma anche al correttore di bozze andrebbero tirate le orecchie: non esiste neanche sulla carta che un pezzo di ciccia di maiale da 800 gr cuocia in così poco tempo!!! I 75 gradi al cuore quando si raggiungono???
    Comunque davvero complimenti, una ricetta originale e invitante: chissà che non la vediamo presto sul nostro blog ciccia-addicted, citando la fonte, ovviamente ;)
    Baci!
    Linda

    RispondiElimina
  16. Una ricetta invitante da provare! Ciao

    RispondiElimina
  17. Brava Letizia, cosi' si fa..a volte capita davvero di fare in base ad una ricetta che poi si rivela poco attendibile nella lavorazione e nella cottura ^_^
    Lasciando da parte le polemiche (parlo per me ovvio..) mi domandavo che tipo di taglio fosse la scamerita ma poi fortunatamente ho letto le tue precisazioni e cosi' ho imparato una cosa nuova :)) e mi sono pure segnata la ricetta :)

    RispondiElimina
  18. concordo con te, le ricette dei giornali sono motlo spesso ottime e una buona base per elaborare altre ricette ma è frequente trovare tempi che non tornano. La ricetta è ottima, me la segno, e tu l'hai realizzata ottimamente, ma si sa che tu in cucina sei una certezza. Baci e buona serata

    RispondiElimina
  19. Ha un aspetto davvero strepitoso, uno spunto da segnare per il secondo della domenica o l'arrosto succulento delle feste!!Sei grande!!Smack!

    RispondiElimina
  20. Ottima la ricetta e la panatura!
    Non sapevo che il capocollo di chiamasse anche scamerita.
    Non si finisce mai di imparare :-))
    baci Silvia

    RispondiElimina
  21. Buonissima ricetta!! :)

    RispondiElimina
  22. @ isaporidiromagna - ne sarei felice. Grazie tante delle visita sempre gradita.
    @ mary - grazie per la fiducia ;-)
    @ stefania - toppo gentile cara. Buona giornata.
    @ ambra - Grazie tante. Un bacione anche a te.
    @ pappaalpomodoro - effettivamente la crosticina era gustosa... un bacione
    @ cuppy - un abbraccio cara :)

    RispondiElimina
  23. wow, una meraviglia di ricetta!!! complimenti!

    RispondiElimina
  24. il piatto è molto bello e invitante.
    mi associo al tuo invito a chi pubblica le ricette di testarle prima.
    a me è successo diverse volte di provare a seguire alla lettera una ricetta e poi dover cambiare tutto per recuperarare la materia prima!

    RispondiElimina

Posta un commento